mastroviaggiatore-ho-visto-cose-che-voi-umani

Ho visto (10) cose che voi umani…

– Ho visto una subacquea, in Mar Rosso, far crollare con una bella pinnata una torre corallina che probabilmente aveva centinaia di anni, poi tentare freneticamente di rimetterla a posto e infine darsi alla fuga. In immersione.

– Ho visto, sempre in Mar Rosso, subacquei che avevano effettuato un’immersione costiera, riemergere a chilometri dall’imbarcazione (che li aveva chiaramente persi), far su la loro attrezzatura e tornare in hotel in taxi.

– Ho visto un subacqueo russo, che vantava un passato nell’esercito e che aveva i muscoli pettorali più gonfi del cranio, gettarsi nelle acque del Sudafrica e risalire (dovrei dire “rimbalzare”) sul gommone in una frazione di secondo, con tanto di cintura di zavorra e bombola addosso, dopo essere letteralmente atterrato sulla schiena di uno delle decine e decine di squali pinna nera oceanici che nuotavano sotto l’imbarcazione.

mastroviaggiatore-ho-visto-cose-squali

Per dare un’idea, un fotogramma di quell’immersione…

– Ho visto una manta schizzare in aria a un paio di metri d’altezza con tutto il corpo, come imbizzarrita, proprio davanti a me, in Oman. (posto magnifico!)

– Ho visto due apneisti ingannare il tempo facendo apnea in assetto costante, alcune miglia al largo nel Mediterraneo, in mezzo a fiumi sanguinolenti di pastura per squali e teste di pesce mozzate, nella speranza di attrarre squali pelagici (ndr: quanto ai due apneisti, trattavasi del sottoscritto e del mio amico Alfonso).

– Ho visto un subacqueo estrarre dalla tana e inguattarsi un astice, vivo, con delle chele tanto così, ficcandoselo nella muta, sotto il GAV, e poi continuare facendo finta di nulla, proseguendo l’immersione con un enorme bozzo palpitante sul torace. Altro che Mano Morta Subacquea.

Mentre mi allenavo in apnea in assetto costante, al largo di Sanremo, ho visto emergere dall’acqua lattiginosa, e puntarmi dritto addosso, un enorme pesce luna, grande quanto una 500, scambiandolo (per una frazione di secondo) per un grande squalo bianco all’attacco – vi assicuro che nel torbido, con la testa grigia picchiettata di bianco, può ingannare la vista…

– Ho visto un subacqueo (tedesco) fare un’immersione con la muta indossata al contrario in tutti i modi possibili, davanti-dietro e rovescio per dritto (ahhh ma con tutti i mulinelli super- tecnici, pedagni e shaker di questo mondo a posto, penzolanti come da un albero di Natale).

– Ho visto subacquei (sempre tedeschi) in crociera in Mar Rosso, a Elphinstone Reef, per la precisione, fare il bagno all’imbrunire senza né maschera né occhialini, con il corpo molle e bianchiccio, apparentemente ignari del Carcharinus Longimanus di circa 4 metri che incrociava sotto di loro sfiorandoli insieme ad altri due Longimanus di lunghezza normale, mentre le guide della mia barca disperatemente gli urlavano di uscire. Ndr: il giorno dopo feci una mitica immersione, che racconto qui.

– Ho visto un subacqueo dare un pugno in faccia a una verdesca al largo delle Azzorre (ndr: fu fatto uscire e “bannato” dal diving – fosse stato per me lo avrei abbandonato lì e fatto tornare a nuoto).

– Ho visto una remora di circa un metro inseguirmi per svariati minuti, nelle acque delle Maldive, e cercare di attaccarsi a me – o forse voleva accoppiarsi, boh? Comunque non ce l’ha fatta.

(Sono 11. Vi ho fregato..)

Condividi: