Kirghizistan: La “Svizzera dell’Asia” Centrale

Da € 1.510

oppure € 150 al mese

8 Giorni / 7+ early check in Notti

Il Кirghizistan è un paese meraviglioso ed unico per la sua bellezza. Questa piccola oasi, proprio nel cuore dell’Asia Centrale, si distingue per la grande varietà dei paesaggi naturali e il suo splendido “lago azzurro”, il lago Issyk-Kul. Il Kirghizistan è spesso chiamato la “Svizzera orientale” per le sue montagne e la natura rigogliosa che, però, a differenza delle Alpi svizzere è ancora un territorio poco battuto dal turismo. Il patrimonio culturale e storico del popolo kirghiso è altrettanto interessante. Fino ai nostri giorni nel paese si sono conservati tutti gli attributi della vita nomade. In estate potrete vedere le yurte – le dimore dei nomadi, decorate con tappeti di feltro; incontrerete anche gli stessi nomadi che vi ospiteranno nella loro yurta e vi faranno assaggiare i loro piatti e bevande tradizionali. Chi desidera potrà anche montare a cavallo. Secondo un antico proverbio questi animali sono considerati “le ali del popolo kirghiso”.

Itinerario

1° GIORNO: ITALIA - BISHKEK

Partenza dall’Italia. Pernottamento a bordo.

2° GIORNO: BISHKEK

Arrivo a Bishkek al mattino presto. All’arrivo all’aeroporto internazionale «Manas» incontrerete la nostra guida. Trasferimento in città, operazioni di check in e sistemazione (early check in incluso). Dopo la colazione e aver riposato un po’, escursione al Parco Naturale Nazionale Ala-Archa che si trova a circa 40 km dalla città. È un luogo popolare per i picnic, le passeggiate, le arrampicate, l’alpinismo. Sul territorio del parco si trovano circa 20 ghiacciai. Potrete fare passeggiate lungo la strada asfaltata o su sentieri di montagna. Ritorno in città e pranzo in ristorante locale. Dopo pranzo tour panoramico della città e cena in un ristorante locale. Durante il tour panoramico della città vedrete il Monumento a Manas, il principale eroe nazionale del popolo kirghiso. Farete un tour a piedi intorno alla piazza principale di Ala Too per assistere alla cerimonia del cambio della Guardia d’Onore, al monumento Kurmanzhan Datka, ai principali edifici governativi e infine alla Piazza Vecchia con il Palazzo del Governo e la Piazza della Vittoria dove si concluderà il tour panoramico.

Pasti: colazione, pranzo, cena

Hotel: Asian Mountains Hotel o Green City o Futuro Hotel o similare

3° GIORNO: BISHKEK – LAGO SONGKOL

Colazione in albergo. Partenza di prima mattina per l’escursione al lago Song kol. La strada attraversa la gola di Boom, il bacino idrico Orto Tokoi e il passo Kalmak Ashuu (3445 м.). Pranzo tradizionale presso una famiglia kirghisa nel villaggio di Kochkor. Proseguimento verso il lago montano Song kol, situato sulla catena di Tien-Shan all’altezza di 3016 m. I dintorni del lago sono zona di pascolo per il bestiame del villaggio Kochkor e delle regioni Naryn e Djumgal. Un’oasi di pace e serenità che, a differenza del lago Issik Kul, è meno battuta dal turismo. Qui è ancora possibile un contatto diretto con la natura e con la popolazione nomade. La strada che conduce al lago è solitamente molto ventosa e percorrendola non si percepisce la fine. Ecco perché Song kol si traduce dal kirghiso «l’ultimo lago».  Arrivo al campo di yurte Song kol. La yurta è una dimora tradizionale dei popoli nomadi dell’Asia Centrale, facile da smontare, rimontare e trasportare e dunque adatta alla vita nomade. E’ formata da una struttura in legno coperta da uno o due strati di feltro, pareti e pavimenti sono spesso ricoperti da colorati tappeti di feltro, gli shyrdak. Sistemazione nelle yurte (3-4 persone per ognuna). Qui avrete una bella occasione di sentirvi veri nomadi e fare conoscenza con il modo di vivere del popolo kirghiso. Cena e pernottamento.

Pasti: colazione, pranzo, cena

Hotel: campo di yurte

4° GIORNO: LAGO SONG KOL - TASH-RABAT

Colazione al campo. Dopo la colazione partenza per Tash-Rabat attraverso il passo Moldo-Ashuu (3665 m), da dove si vedono i monti Tien-Shan. Sosta per il pranzo nella città di Naryn. Attraversata dal fiume omonimo, Naryn è l’unica città del Kirghizistan dove la popolazione è composta per il 90% da kirghisi. All’arrivo nella gola di Kara Koyun, sistemazione nel campo delle yurte (4-6 persone in ognuna). Tempo libero per passeggiate in autonomia nei dintorni. La visita guidata del caravanserraglio Tash-Rabat si effettuerà il mattino del giorno seguente. Il caravanserraglio si trova all’altezza di 3 200 m s.l.m. non lontano dal confine con la Cina. La data della sua costruzione non è certa; però, ci sono varie ipotesi che sia stato costruito nel Х secolo. Alcuni studiosi lo considerano un monastero nestoriano, altri un albergo per le carovane commerciali e altri ancora insistono che sia stata una fortificazione. Cena e pernottamento.

Pasti: colazione, pranzo, cena

Hotel: campo di yurte

5° GIORNO: TASH-RABAT- NARYN- KOCHKOR

Colazione al campo. Dopo la colazione partenza per il caravanserraglio Tash-Rabat. Dopo la visita trasferimento a Kochkor via Naryn e passo Dolon (3000 m). Pranzo in ristorante a Naryn. Si tratta di una piccola cittadina che fu un importante centro commerciale dell’Asia Centrale. E’ una città panoramica, attraversata dall’omonimo fiume e circondata da maestose montagne. Dopo pranzo visita della Moschea Blu Centrale, Piazza Centrale, Museo storico e etnografico. A Kochkor visiterete una cooperativa di donne che producono il feltro e lo shyrdak, i tappeti tradizionali di feltro che coprono il pavimento e le pareti della yurta. La tecnica della sua produzione è inclusa nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO. I colori e le immagini rappresentate su questi tappeti sono carichi di simbologie. Blu e rosso insieme sono simbolo di laghi e montagne, la melagrana è simbolo di fecondità (è possibile partecipare ad un workshop con supplemento). Cena e pernottamento in famiglia kirghisa.

Pasti: colazione, pranzo, cena

Hotel: in famiglia locale

6° GIORNO: KOCHKOR- JETI OGUZ- KARAKOL

Colazione presso la famiglia locale e tempo libero. Dopo pranzo trasferimento a Karakol piccola città situata sulle rive del lago Issyk-Kul. Karakol non è molto grande, anche se è il quarto centro del Kirghistan, ma è una città interessante dall’architettura tipicamente russa con le tradizionali case in legno e le loro finestre intarsiate. Tuttavia non mancano anche influenze che vanno dal cinese al francese e che rendono la sua architettura variopinta ed unica. Il lago Issyk-Kul invece è il secondo lago di tipo alpino più grande al mondo, dopo il lago Titikaka in America del Sud. Un lago antichissimo dall’incredibile età di 25 milioni di anni. Tutto intorno al lago, le montagne innevate del Tien Shan. Già popolare fuga estiva durante l’era sovietica ancora oggi attira gli amanti del turismo alpino di tutto il mondo. Dopo aver visitato Karakol si riprende il cammino che ci porterà nella gola Jeti-Oguz. Strada facendo osserverete il cambio dei paesaggi e sarà possibile fare una sosta ad esempio al canyon Skazka. Pranzo presso famiglia locale nel villaggio di Tamga. Dopo pranzo continuiamo l’escursione nella gola Jeti-Oguz. Nel periodo sovietico è stato costruito un sanatorio e la gente da tutta l’Unione Sovietica ci arrivava per le cure. Anche i cosmonauti ci venivano per la riabilitazione compreso lo stesso Yuri Gagarin. Dopo la passeggiata ritorno a Karakol, sistemazione in albergo. Cena in famiglia.

Pasti: colazione, pranzo, cena

Hotel: Green Yard GH o simile

7° GIORNO: KARAKOL – CHOLPON ATA

Colazione in albergo. Dopo la colazione visita della Moschea Dungan. Karakol crebbe nel XIX secolo e negli anni 80 del secolo si stabilì qui una comunità di Dungan, musulmani cinesi in fuga dalla persecuzione in Cina e accolti dai popoli russo e kirghiso. La moschea è una costruzione in legno in stile cinese e costruita interamente senza chiodi. Gran parte delle sue immagini, inclusa una ruota di fuoco, riflette il passato pre-islamico e buddista dei Dungan. Tutti i colori rappresentano diversi concetti della cultura Dungan, il rosso protegge dagli spiriti maligni, il giallo è simbolo di prosperità e il verde simboleggia la felicità. Visiterete anche la Cattedrale ortodossa della Santa Trinità costruita anch’essa in legno e senza alcun chiodo. Dopo una breve escursione nella città – visita del museo di N.M.Przhevalsky, un famoso viaggiatore russo, esploratore del continente asiatico. Più tardi trasferimento a Cholpon-Ata e pranzo in ristorante. Dopo pranzo visita al Museo dei Petroglifi di Cholpon-Ata, chiamato anche “Giardino di pietra”. Si tratta di una vasta collezione all’aperto di incisioni rupestri che copre circa 42 ettari e contiene una serie di strutture monumentali preistoriche (cerchi di pietre, tombe, resti di un muro di cinta, gli idoli di pietra Balbal) e petroglifi (risalenti al periodo Sak-Usun). Trasferimento in albergo. Tempo libero e cena.

Pasti: colazione, pranzo, cena

Hotel: Karven Issyk-Kul 4* o similare

8° GIORNO: CHOLPON ATA - BISHKEK

Dopo la colazione partenza per il viaggio di ritorno a Bishkek. Lungo il percorso sosta al complesso architettonico-archeologico della Torre Burana. L’antico minareto, risalente al XII secolo, si trova a 12 km dalla odierna città di Tokmok. Originariamente qui sorgeva la città di Balasagyn, situata in un luogo strategico sulla Grande Via della Seta. Sul sito si possono ammirare anche numerosi Balbal nel loro spazio naturale. Si tratta di antiche stele funerarie dedicate ad importanti esponenti delle comunità nomadi dell’Asia centrale e della Mongolia. Possono avere altezze diverse e in molti casi raffigurano uomini che reggono una spada o una sorta di piatto. Dunque potrebbero essere dedicati a un combattente o un uomo di potere.  Espressione del culto degli antenati, venivano posizionati sulle tombe dei defunti per ricordare ai popoli nomadi dove si trovavano le tombe dei loro cari. In questo sito archeologico se ne possono vedere di vari stili ed epoche. Si prosegue per Bishkek. Arrivo e sistemazione in hotel. Cena in ristorante locale con spettacolo folcloristico.

Pasti: colazione, pranzo, cena

9° GIORNO: BISHKEK - ITALIA

Colazione al mattino presto. Trasferimento all’aeroporto.

Servizi inclusi

Tour di gruppo a date fisse con guida parlante italiano.

Partenza garantita con minimo 4 partecipanti.

Il viaggio si svolge ad altitudini comprese tra gli 800 m.s.l.m. e gli oltre 3.000 m.s.l.m. Pertanto il fattore altitudine deve essere preso in considerazione, soprattutto da chi ha problemi di pressione.

Cambio applicato: 1 USD = 1,12 EUR

DATE DI PARTENZA 2021

07/08-14/08

14/08-21/08

Abbigliamento e corredo necessario

Nel periodo estivo la temperatura a Bishkek può raggiungere i 40 gradi centigradi, e di notte sulle montagne scende fino a 10 gradi centigradi, pertanto ricordatevi di avere abbigliamento adeguato per tutte le eventualità.

Ricordatevi di avere l’attrezzatura necessaria per i trekking in montagna.

Si raccomanda di prendere un gel per la disinfezione.

E’ richiesto un buono spirito di adattamento alle realtà locali, in quanto il viaggio si svolge con pernottamenti in campi tendati e presso famiglie locali. Questo è sinonimo di un’esperienza più autentica e genuina, ma indubbiamente richiede flessibilità. Inoltre, trattandosi di un Paese che da poco si è aperto al turismo, anche le strutture alberghiere possono avere standard qualitativi più bassi rispetto a quelli occidentali pur essendo sempre dignitose e pulite. Nelle città le camere degli hotel hanno doccia e servizi igienici privati, con standard europei. Nei campi di yurte docce e servizi igienici sono condivisi. Anche i pernottamenti avvengono in yurte in condivisione con altri turisti.

LA QUOTA COMPRENDE

Voli internazionali

Sistemazione negli hotel indicati o similari o famiglie locali (in doppia/twin), campi di yurta (4-6 persone per yurta) con trattamento di pernottamento e prima colazione

Pasti come descritti in programma, pensione completa

Tutti i trasferimenti previsti dal programma

Escursioni previste nel programma con guida in lingua italiana

City tour Bishkek ed escursione al Parco Nazionale Ala-Archa il giorno 1

FD lago Song kol e Kochkor il giorno 2

FD Naryn il giorno 3

FD caravanserraglio Tash-Rabat, Naryn Kochkor il giorno 4

FD Karakol, Issik kul, Jeti-Oguz il giorno 5

City tour Karakol e Museo dei Petroglifi di Cholpon-Ata il giorno 6

Escursione alla torre Burana e Show folkloristico a Bishkek il giorno 7

Ingressi ai siti menzionati in programma

Tasse locali

Assistenza 24 h dall’Italia

Assicurazione base medico bagaglio

LA QUOTA NON COMPRENDE

Tasse aeroportuali (290 euro circa da confermare al momento dell’emissione)

Pasti non indicati in programma

Mance e spese personali

Eventuali tasse non esigibili in Italia e da pagare in loco

Assicurazione integrativa annullamento – facoltativa

Quanto non indicato nella voce “la quota comprende”

Quota di iscrizione:  € 70

NOTA IMPORTANTE: Le quote sono state calcolate sulla base di tariffe aeree in classi speciali non sempre disponibili. Prima si prenota e maggiori sono le possibilità di trovare posto alle tariffe più basse.  In base alla frequenza e disponibilità dei voli intercontinentali da/per l’Italia, in alcune date potrebbe essere necessario aggiungere un giorno al programma.

Condividi e dillo agli amici!