mastroviaggiatore-spiaggia-esotica

La nuova ordinanza: dal 1 Marzo si può tornare a viaggiare fuori dall’UE

Dal 1° marzo è in vigore la nuova ordinanza del ministero della Salute, emanata il 22 febbraio 2022, che semplifica l’ingresso nel territorio italiano da tutti i Paesi extra europei: secondo l’interpretazione di tutti gli operatori interessati, infatti, sancisce  l’applicazione delle stesse regole già vigenti per quelli europei.

E quindi per entrare o rientrare in Italia è sufficiente il possesso di Green Pass ‘base’ che attesti vaccinazione, guarigione o tampone negativo.

Una notizia che i viaggiatori attendevano da tempo, un altro passo verso la normalità.

Infatti, l’ordinanza del 22 febbraio abroga le Ordinanze relative ai voli Covid-tested e ai Corridoi Turistici Covid-free, abolisce gli elenchi di Paesi A, B, C, D, E, e quindi dall’Italia possiamo viaggiare in qualsiasi Paese del mondo, a patto che questo sia aperto al turismo.

Per l’ingresso o il rientro nel nostro Paese è ancora obbligatorio compilare e presentare all’imbarco agli incaricati dei controlli, il formulario digitale di localizzazione del passeggero (digital Passenger Locator Form o dPLF), in formato digitale o cartaceo.

Bisogna, inoltre, essere in possesso di Green Pass ‘base’, che attesti una delle seguenti condizioni:

  • vaccinazione completa con vaccino autorizzato dall’EMA, effettuata da meno di 9 mesi
  • vaccinazione completa con vaccino autorizzato dall’EMA e dose di richiamo (booster)
  • guarigione da Covid-19, da meno di 6 mesi
  • risultato negativo di test molecolare condotto con tampone nelle 72 ore precedenti l’ingresso in Italia o test antigenico condotto con tampone nelle 48 ore prima dell’arrivo

In caso di mancata presentazione di una delle certificazioni, l’ingresso in Italia è possibile ma con obbligo di quarantena presso l’indirizzo indicato nel dPLF, per un periodo di 5 giorni, dopodiché si farà un test molecolare o antigenico per mezzo di tampone. I minori al di sotto dei 6 anni di età possono entrare in Italia senza test molecolare o antigenico.

Le norme rimangono in vigore, per il momento, fino al 31 marzo 2022, ultimo giorno dello stato di emergenza.

Qui il comunicato in Gazzetta Ufficiale